11 maggio 2006. Giorgio Napolitano viene eletto Presidente della Repubblica. All’indomani dell’invasione dei carri armati sovietici a Budapest disse: “In Ungheria l’Urss porta la pace”. Un comunista al Quirinale. Questo è lo spunto per tenere traccia degli scempi che i cosacchi nostrani saranno capaci di perpetrare al nostro Paese.

Paolo

Paolo, aka Cosacco, anticomunista nella Stalingrado d’Italia, Genova.