Il verde sottosegretario all’economia lancia la sua proposta per risolvere il problema del disagio abitativo: «E’ necessario requisire gli immobili». Questo il Cento pensiero che mira a rendere effettivo uno degli slogan più amati dai suoi amici centrosocialisti quando spaccano le vetrine dei commercianti, ovvero il “La proprietà privata è un furto” di sovietica memoria. Dopo aver convinto il ministro rifondatore del comunismo Ferrero ad emanare l’ennesimo blocco degli sfratti, impedendo di fatto a molti proprietari di rientrare in possesso della loro casa, ora er piotta, con la scusa dell’emergenza abitativa, vuole requisire le case degli italiani. Voi, sempliciotti assertori del diritto alla proprietà privata come diritto fondamentale della persona, dovrete adeguarvi ai nuovi dettami governativi, ma almeno potrete togliervi la soddisfazione di espropriare il SUV dell’ambientalista sottosegretario, sicuramente non avrà nulla in contrario.

Annunci